cosa-restera-2021
Riflessioni & Pensieri

Cosa resterà del 2021

Dopo un 2020 da dimenticare, tutti noi ci aspettavamo un 2021 da ricordare. Un 2021 che significasse rinascita, speranza e ricostruzione. Il periodo storico che stiamo vivendo non ci permette di vedere tutto rosa. Ciononostante, non ho mai smesso di cercare la luce nell’oscurità, la goccia di positività in un oceano di negatività. Ed ecco che il 2021, al di là di tutto, si è rivelato essere proprio ciò che mi aspettavo: un anno da cui ripartire da zero.

Del mio 2020 sono rimaste tante cose: gratitudine, condivisione e soprattutto capacità di vivere nel qui e ora. Ma quindi, che cosa resterà del 2021?

Resterà la regola che “ogni lasciata è persa”

Incredibile ma vero, il 2021 è stato un anno pieno di viaggi. Era da tempo che non viaggiavo in maniera così libera, intensa e soprattutto consapevole.

La prudenza e il rispetto delle regole non sono mai mancati. Ma ogni weekend all’estero, ogni gita fuori porta l’ho vissuta come se fosse l’ultima, forse proprio grazie al costante senso di incertezza che ha caratterizzato gli ultimi due anni. Ogni volta mi dicevo “lo faccio adesso, che domani potrebbe essere troppo tardi”. E così è stato per tutto il resto: nuovi incontri, nuovi amori, amicizie, scoperte e viaggi in solitaria. In un periodo tragico per i viaggiatori, ho transitato in ben 10 diversi paesi, alcuni dei quali mai visti prima. Ho mantenuto la promessa di non perdere nessuna occasione per viaggiare, fare nuove esperienze e superare la mia comfort zone ed è stato il più grande regalo che potessi fare a me stessa e a chi mi sta accanto.

restera-estate-2021
Ricordo dell’estate 2021
Resterà lo studio, la crescita e la scoperta

Se il 2020 è stato un anno introspettivo, il successivo lo è stato ancora di più. I mesi di chiusura, stallo e incertezza sono stati lunghi e per certi versi interminabili. Ma mi hanno permesso di imparare, studiare, concentrarmi su me stessa e su ciò che voglio davvero. L’isolamento crea solitudine, ma al contempo insegna molte cose. 

Un bellissimo ricordo che resterà del 2021 sarà la moltitudine di cose imparate a livello professionale e personale: il lavoro intenso, le nuove sfide, i viaggi fatti e pianificati e più di ogni altra cosa, questo blog e la sua community che non smette mai di sorprendermi e farmi crescere.

In tanti dicevano “ne usciremo migliori”, ma io non sempre volevo crederci. Adesso dico a me stessa che è vero, o per lo meno è stato per molti di noi.

restera-2021-scrivere

Resteranno le basi per ricostruire e mattoni solidi per continuare

Nel 2020 ho imparato dai miei errori, ho rivalutato il mio presente e rimuginato di meno sul passato. Nel 2021 sono partita da queste basi per ricostruire il mio avvenire, ma senza lasciarmi sopraffare da esso.

Seppur con qualche iniziale difficoltà, ciò che resterà del 2021 sono solide fondamenta, che mi hanno resa la persona che sono adesso e che voglio essere.  Se il 2020 ha lasciato ceneri, il 2021 le ha rese un terreno fertile per ricostruire. Il nuovo anno, nel bene e nel male, fornirà sempre più mattoni per costruire, su solide basi, qualcosa di nuovo e sorprendente. Non importa quando il lavoro sarà compiuto, perché in fondo la vita, lo sappiamo, è un work in progress senza fine.

Che dirvi, non mi resta che augurarvi buon anno alla mia maniera, ovvero Buon viaggio nel 2022!

2 commenti

  • FEDERICA

    Quanto è vero! Il 2020 è stato un anno particolare, di isolamento sociale ma che ci ha portato per una volta ad avere tempo per fare cose che rimandavamo, ad imparare cose nuove e a svilupparle nel 2021, a goderci di più il momento e a non sprecare occasioni di felicità. Il 2022 spero sia un anno di equilibri, che possa dare certezze che al momento non abbiamo bell’articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.